La Bibbia e la forchetta

C’era una donna alla quale era stata diagnosticata una malattia incurabile e a cui avevano dato solo tre mesi di vita. Decise allora di “mettere in ordine tutte le sue cose”. Contattò il parroco e lo invitò a casa sua per discutere alcuni aspetti delle sue ultime volontà. Gli disse quali canti voleva che si facessero durante il suo funerale, quali letture si dovevano tenere ed il vestito con il quale doveva essere sepolta.
Chiese anche di essere seppellita tenendo in mano la sua Bibbia preferita.
Tutto era stato detto e il sacerdote se ne stava già per andare quando la donna si ricordò di qualcosa che per lei era molto importante.

– C’è ancora qualcosa – disse eccitata.
– Di che si tratta? – domandò il sacerdote.
– Questo è molto importante – rispose la donna. – Chiedo di essere sepolta con una forchetta nella mia mano destra -.
Il sacerdote rimase impassibile, guardando la donna, senza sapere cosa dire.

– La sorprende? – domandò la donna.
– Beh, per essere sincero, la cosa mi lascia perplesso – disse il sacerdote.

La donna spiegò: – Tutte le volte che ho partecipato a qualche pranzo speciale, ricordo che, dopo aver ritirato i piatti dalle pietanze, qualcuno diceva sempre: “tenete la forchetta”. Era ciò che aspettavo perché sapevo che il meglio doveva ancora venire… dolce al cioccolato, marzapane… qualcosa di meraviglioso e di molto nutriente.

Desidero che la gente mi veda nella mia bara con la forchetta in mano perché si chieda: “che cosa se ne fa della forchetta?” Allora lei dovrà dire: “se ne andò con la forchetta perché per lei il meglio doveva ancora venire” -.

Gli occhi del sacerdote si riempirono di lacrime mentre abbracciava la donna congedandosi. Sapeva che sarebbe stata l’ultima volta che la vedeva prima della sua morte. Sapeva tuttavia anche che la donna aveva un’idea più bella del cielo della sua. Sapeva infatti che qualcosa di meglio stava per venire.

Durante il funerale la gente che passava davanti alla bara della defunta vide la Bibbia e la forchetta che teneva nella mano destra. Più volte il sacerdote udì ripetere la domanda: “Ma che fa con la forchetta in mano?” e più volte sorrise.

Durante l’omelia il sacerdote riferì ai presenti la conversazione tenuta con la donna poco prima di morire. Parlò loro della forchetta e di che cosa significasse per lei. Era un segno bellissimo del modo con cui la donna intendeva la sua morte.

La prossima volta che prendi in mano una forchetta non dimenticarti che il meglio deve ancora venire.

Pubblicato da

Giuseppe Bortoloso

laico-eremita urbano-wccmitalia, felicemente sposato con Clara, gioia della mia vita. Padre di tre figli e nonno di quattro nipoti. Ho collaborato con l’Ordine dei Carmelitani Scalzi nella redazione delle “Nuove Costituzioni OCDS”, partecipando a due Congressi Internazionali e al Capitolo di Avila nel 2003.

1 commento su “La Bibbia e la forchetta”

  1. Carissimo Beppe…..ancora ancora ancora Grazie grazie grazie e si di❤❤❤ pieno e totale !!! Infatti…nel leggere “Queste” righe, molto semplici, chiare e significativissime…si, avevo i Bridivi dappertutto e le Lacrime Si, agli Occhi !!!😄😆😉

I commenti sono chiusi.