Benedetto sei tu, Signore

Benedetto sei tu, Signore,

per le bellezze dell’universo

che hanno incantato i miei occhi

e colmato il mio cuore.

Benedetto sei tu, Signore,

per coloro che amo

e che mi circondano

con il loro affetto.

Benedetto sei tu, Signore,

per la fragilità umana

che in me è un richiamo

alla tua presenza e alla tua forza.

Benedetto sei tu, Signore,

per l’amore infinito che mi porti

per la tenerezza di cui mi circondi

per la tua presenza

silenziosa ma vigilante.

Benedetto sei tu, Signore,

per la mia vita,

le mie gioie e le mie pene

che tu conosci e fai tue.

Benedetto sei tu, Signore,

per la meravigliosa storia d’amore

che sto vivendo con te.

(Jules Bulliard)

Pubblicato da

Giuseppe Bortoloso

laico-eremita urbano-wccmitalia, felicemente sposato con Clara, gioia della mia vita. Padre di tre figli e nonno di quattro nipoti. Ho collaborato con l’Ordine dei Carmelitani Scalzi nella redazione delle “Nuove Costituzioni OCDS”, partecipando a due Congressi Internazionali e al Capitolo di Avila nel 2003.