Sotto la pietra

Un grande, e Santo Abate, giaceva, sul letto di morte!

Intorno a lui, si erano raccolti i suoi Monaci, e decine di affezionati studenti, che si erano ispirati alla sua vita, e alle sue idee luminose…

I più vicini a lui, gli sussurrarono: «Maestro, quando tu sarai morto, metteremo una grande, e magnifica pietra, sul tuo Sepolcro…».

«Che cosa vuoi, che le scriviamo, sopra?».

Il vecchio saggio, tacque un po’, e, poi, sorrise:

«Scrivete: “Io, non sono, sotto la pietra!”».

 

“Noi, non saremo, sotto la pietra…”.

Pubblicato da

Giuseppe Bortoloso

laico-eremita urbano-wccmitalia, felicemente sposato con Clara, gioia della mia vita. Padre di tre figli e nonno di quattro nipoti. Ho collaborato con l’Ordine dei Carmelitani Scalzi nella redazione delle “Nuove Costituzioni OCDS”, partecipando a due Congressi Internazionali e al Capitolo di Avila nel 2003.